venerdì, Ottobre 30FPE 2.0 - IT'S JUST A RIDE !
Shadow

ACCIDENT [SubITA] 🇭🇰

Titolo originale: Yi ngoi
Nazionalità: Hong Kong
Anno: 2009
Genere: Thriller, Noir
Durata: 89 min.
Regia: 

Brain, a capo di una banda che organizza omicidi facendoli passare per pura casualità, è ossessionato dalla morte della moglie avvenuta durante un incidente stradale. Quando si convince di essere a sua volta vittima di qualcuno che opera con le sue stesse modalità criminali, cade preda della .

Ci siamo mai chiesti quante sono le variabili che intervengono in un incidente? Quante possibilità ci sono e quali cose devono verificarsi perché proprio quelle due persone, quelle due storie, quelle due vite si trovino a scontrarsi in quel dato posto e in quel preciso momento? In tempi di superjackpot, probabilmente, ci stupirebbe scoprire di aver molte più probabilità di vincere centinaia di milioni all’Enalotto piuttosto che essere tamponati da quell’incosciente del vicino di , ma tant’è. Il caso governa le nostre vite, quindi sostituirsi al caso può voler dire sostituirsi addirittura a Dio. È in definitiva questo il tema centrale di Accident, il bel film di Pou-Soi Cheang, passato in concorso alla 66ª Mostra del cinema di Venezia, che racconta la storia di una banda di a pagamento, che uccide su commissione, inscenando incidenti perfetti come congegni ad orologeria. Tutto questo fin quando qualcosa si inceppa e non va come deve andare. Allora “The Brain”, il capo della banda, ovvero “l’organizzatore del caso degli altri”, non credendo più alla fatalità, è certo di essere lui stesso oggetto di un complotto. Prende perciò di mira l’agente assicurativo incaricato di pagare il premio al figlio (nonché mandante dell’) della loro ultima vittima. Questi, in effetti, sembra avere capito qualcosa dato che rinvia sempre il momento della liquidazione. “The Brain” inizia a controllare l’assicuratore, fin nella più profonda intimità, in un vortice paranoico nel quale trova solo conferme alle sue congetture. Ciò lo porterà a non fidarsi più neanche degli altri componenti della banda: sarà davvero lui la causa di tutto?

Guarda anche  LINKEROEVER [SubITA] 🇧🇪

L’incipit e la trama parrebbero indirizzare Accident dalle parti del Cronemberg di Crash, ma la del protagonista rimanda più a Spider o meglio ancora a The Number 23 con Jim Carrey, anche se, in definitiva, il film è un perfetto “prodotto” della Milkyway Image, ovvero della di produzione del grande regista Johnnie To, “responsabile” della formazione di tanti talentuosi colleghi di Hong-Kong, sbarcati anche ad Hollywood (Tsui Hark, Ringo Lam, Wai Ka-fai, Patrick Leung, solo per citarne alcuni). La Milkyway Image è non è solo una società di produzione, è qualcosa di più, un vero e proprio marchio che, come accadeva negli studios americani degli anni ’20 e ’30, confeziona una precisa tipologia di film (siano essi d’azione oppure commedie), tanto che tra i crediti figura sempre il Milkyway Creative Team, che comprende tutti gli sceneggiatori della società. Il logo della Milkyway è quindi garanzia di assistere ad un ben preciso tipo di film, che può piacere o meno, ma così lo spettatore è avvertito fin dall’inizio. La linea è dettata soprattutto dal fondatore, quel Johnnie To che, nei tredici anni di vita della di produzione, ha diretto 29 film sugli oltre 50 prodotti, ed il rischio più grosso è quello di cadere nel manierismo, nell’imitazione dell’originale, cosa che Soi Cheang riesce (almeno in parte) ad evitare.

Guarda anche  UNDER THE SILVER LAKE [SubITA] 🇺🇸

Se la mano della si vede in alcuni passaggi e nel meccanismo perfetto della sceneggiatura (d’altra parte “la perfezione del caso” è il tema principale del film), nonché in una certa indulgenza verso le riprese dall’alto, Soi Cheang riesce comunque a conservare il suo stile visionario: prima orchestra una danza di corpi ed automezzi che si sfiorano millimetricamente fino ad arrivare al fatale impatto finale, poi ci fa entrare nella spirale paranoica del delirio di onnipotenza che si fa ossessione nella mente di “The Brain” con l’imprevisto che, da variabile impazzita, si fa causa stessa della pazzia.

Accident non è certo di quei film che accendono il cuore delle giurie, ma comunque regala novanta minuti di buon cinema, ben confezionato, ben recitato e soprattutto mai banale, è davvero un peccato che questi film in Italia non trovino una distribuzione nelle sale e si debba sempre ricorrere al mercato dei DVD o al peer-to-peer per tentare di recuperarli. Fin dall’inizio del film viene più volte inquadrato un insolito cartello stradale, che solo nell’incidente finale troverà la sua spiegazione. Si tratta di un segnale di pericolo con all’interno una palla nera: che cosa vorrà dire? Un piccolo aiuto: ad Hong-Kong ci sono molti palazzi di vetro.

Recensione: drammaturgia.fupress.net

Spread the love

Related posts