//ALTERED STATES [SubITA]

ALTERED STATES [SubITA]

 

Titolo originale: Altered States
Nazionalità: USA
Anno: 1980
Genere: Drammatico, Fantascienza, Visionario
Durata: 102 min.
Regia:

 

Questo è certamente uno dei più importanti ed originali film di fantascienza di sempre, e crediamo anche il più interessante tra tutti quelli di cui William Hurt è stato finora protagonista. Siamo lontani anni luce da Guerre Stellari o Star Trek, e la storia raccontata non è affatto ambientata in un remoto futuro ed in lontane ed ignote galassie, ma nel presente e nel nostro mondo. Un inquieto e spregiudicato antropologo, il dr. Jessup, arso da una divorante sete di conoscenza, non solo circa le origini della razza umana, ma dell’intero universo, si lancia in una ricerca scientifica estrema, che lo condurrà al di fuori dell’umano. L’idea è di sperimentare stati alterati di coscienza – da qui il titolo originale della pellicola – in modo da poter esplorare, per mezzo di essi, territori cosmici altrimenti inaccessibili alla scienza ordinaria. Inizialmente, lo studioso partecipa ad un rito iniziatico di una tribù primitiva dell’America Latina, ed assumendo una particolare droga psicotropa entra nell’allucinante mondo delle reminiscenze ataviche. In questo modo, non solo vive una prima e potente esperienza di coscienza alterata, ma innesca un profondo e radicale processo di trasformazione – non solo psichica, ma anche fisica – la cui svolta decisiva si produce nel momento in cui si sottopone a ripetute sedute di deprivazione sensoriale all’interno di una speciale camera atta allo scopo. A questo punto avviene l’inaspettato e l’indicibile: isolata quasi completamente dall’ambiente esterno, la mente di Jessup muta drasticamente il proprio rapporto con la realtà e compie un viaggio a ritroso nello stesso percorso biologico che, nell’arco di ere incalcolabili, avrebbe prodotto evolutivamente la specie umana. Jessup si trova quindi a mutare anche sul piano corporeo e a regredire ad uno stadio evolutivo umano precedente l’attuale, trasformandosi effettivamente in un ominide preistorico. La metamorfosi è temporanea, ma non vi sono limiti alle possibilità concrete della regressione ormai attivata, la quale, verso la fine, si sposta dal piano organico-biologico a quello puramente molecolare; e Jessup si ritrova a dover affrontare la spirale inversa dell’evoluzione materica dello stesso universo, vedendo ridotto il proprio stesso corpo ad un ammasso grottesco, quasi amorfo, e pulsante delle brute energie primordiali; rischiando da ultimo di precipitare nel nulla assoluto che avrebbe preceduto il Big Bang.

Guarda anche  TOMMY [SubITA]

Recensione: centrostudiparadesha.wordpress.com

Related posts