//COMPRAME UN REVOLVER [SubITA] 🇲🇽

COMPRAME UN REVOLVER [SubITA] 🇲🇽

Titolo originale: Cómprame un revolver
Paese di produzione: Messico
Anno: 2018
Durata: 84 min.
Genere: Drammatico, Thriller
Regia:

 

In un mondo invaso dalla violenza, una ragazza indossa una maschera di Hulk e una catena attorno alla vita per nascondere il proprio sesso. Il suo intento è aiutare il padre tossicodipendente a prendersi cura di un campo di baseball abbandonato in cui gli spacciatori si ritrovano a giocare.

Huckleberry Finn nel paese di Mad Max. È così che il regista Julio Hernàndez Cordòn riassume il suo film, Còmprame un revòlver, a la Quinzaine des Réalisateurs a Cannes 2018.

Ma non si limita a questo. In Mexico, in una parte del deserto in una data indeterminata i narcotrafficanti controllano tutto e dominano il territorio. Le donne sono disperse, o meglio sono costrette a prostituirsi o finiscono uccise.

Un uomo vive miserevolmente in un camping-car con sua figlia, Huck, che cerca di proteggere affinchè non finisca rapita per estorsione, cosa frequente per i , motivo per cui la piccola, una ragazzina sui dieci anni, indossa una catena alla caviglia e nasconde il suo genere, aiutandosi indossando una maschera di Hulk.

Suo padre è un drogato, di crack, tormentato, che si prende cura di un campo da baseball abbandonato dove giocano gli spacciatori. È anche un musicista di spigola e viene invitato a suonare al party di uno dei signori della droga nel deserto. Non può rifiutare e deve anche portare con sé la figlia. Ma mentre la banda suona e la avvolge i presenti scatenati in balli e divertiti, inizia una sparatoria.

Guarda anche  IN MEMORY OF [SubITA] 🇺🇸

Huck (Matilde Hernandez Guinea) sopravvive alla notte e il giorno seguente quello che avrà attorno sarà morte e caos, ma è da lì che inizia un percorso verso la sua libertà, insieme ai suoi tre piccoli amici, uno dei quali è stato mutilato, da uno dei signori della droga, e cerca ancora disperatamente la parte del suo braccio mancante.

Minimalista, girato in low budget e con l’80 per cento degli attori non professionisti, Còmprame un revòlver diffonde un sentimento permanente di paura e di malessere simile a quello che provano i suoi protagonisti.

Ma questo rende ancora più pregnante il legame di questo padre verso sua figlia, tema centrale del film, insieme a quello dell’indipendenza possibile anche in un ambiente in cui la morte e il cinismo la fanno da padrone.

Come far a crescere un bambino dentro un territorio violento e pericoloso dove non esiste alcuna regola se non la del più forte? La risposta il regista la ritrova nella forza dei , nella capacità di essere solidali. Una storia così potrebbe essere reale in certe zone del Messico d’oggi.

Guarda anche  DR. CALIGARI [SubITA] 🇺🇸

Il film è interessante e gode della delicata interpretazione dei suoi attori – , novelli Huckleberry Finn, in particolare di quella della sua protagonista Matilde, credibile e profonda.

sugarpulp.it


Di nuovo grazie a HorrorEstremo per avermi smazzato questo film eccezionale.
Il messicano ormai è una sicurezza.
Dopo il recente “Pierdete entre los Muertos”, e dopo che TetroVideo – Horror Film Distribution mi ha regalato l’intensa visione di “Flash 4 Blood”, un’esperienza cinematografica esplosiva, tra il sublime ed il triviale, che ha colpito duro e lasciato il segno, la terra del mexcal torna a strapazzarmi le pupille con questo film girato senza denari e con attori non professionisti, ambientato in un estraniante non-luogo disperso nel deserto messicano (un desolato campo da baseball frequentato dai boss dei cartelli e custodito da un tossico disperato e schiavizzato). Il filo d’arianna di questa vicenda micidiale è seminato da alcuni bambini, tra cui la figlia del custode, costretti a mimetizzarsi in un mondo di violenza, soprusi disumani e . Più o meno il mondo che stiamo minuziosamente costruendo per le generazioni future. Gustiamoci le ultime pummarole acide e gli ultimi tacos al crack, spaparanzati sulle macerie della nostra penosa ignoranza.

Sotto i link perché godiate tutti e subito.
Os quiero muchìsimo.
Fra

 

mirror

 

 

Spread the love

Related posts