//EITHER WAY [SubITA]

EITHER WAY [SubITA]

 

Titolo originale: Á annan veg
Nazionalità: Islanda
Anno: 2012
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 98 min.
Regia:

 

Islanda, anni Ottanta. Finnbogi e Alfred sono due impiegati della compagnia stradale islandese che hanno deciso di passare l’estate a lavorare sulle strade ventose e solitarie del Nord del paese. I due uomini sono però molto diversi tra loro: il più anziano ed esperto dei due ha infatti accettato come compagno il giovane Alfred, come favore alla fidanzata, sorella del ragazzo. Costretti a vivere a stretto contatto in un arido e desolato ambiente naturale, impareranno a conoscersi e rispettarsi, fino alla nascita di un’inaspettata amicizia.

È possibile coniugare tre elementi come i paesaggi di Werner Herzog, un humor tipicamente nordico – alla Kaurismaki per intenderci – e un tono leggermente drammatico? La pellicola dell’islandese Hafsteinn Gunnar Sigurdsson, A annan veg (Either Way), sembra riuscirci.
Finnbogi (Sveinn Olafur Gunnarsson) lavora, nel corso della stagione estiva, sulle strade islandesi libere dalla neve e dal ghiaccio invernale. Quest’anno, eccezionalmente, si è portato appresso il giovane Alfred (Hilmar Gudjonsson), fratello di sua moglie con il quale instaura uno strano legame di amicizia e parentela che li terrà uniti, fra alti e bassi, durante questi mesi estivi.

Se la natura, per Herzog, è quella forza immane che governa il mondo, terribile e crudele, ma allo stesso tempo affascinante e sublime, allora è nella sua stessa scia che Sigurdsson si muove. L’Islanda è affascinante per la nudità delle sue montagne, per il terreno desertico e pietroso; non c’è nulla che possa ricordare una consolante e protettrice cartolina vacanziera: nulla viene mostrato se non la sensazione visiva della solitudine. Quando Herzog girava Aguirre, Furore di Dio sulle Ande a cinque minuti di marcia dalle rovine di Machu Picchu, voleva esattamente dire la stessa cosa: non rassicurare lo spettatore con dei cliché, ma mostrare la vera essenza del paesaggio sudamericano, tutt’altro che idilliaco: mosquito, caldo umido, foresta amazzonica. Sigurdsson non cade nel tranello della “cartolina” e mostra la vera natura dell’Islanda: fredda anche d’estate, pietrosa e desertica. Le scappatelle in città nel fine settimana di Alfred non vengono mostrate, contrariamente alle sue partenze e ai sui ritorni; non si vede mai la città: l’unica abitazione nel raggio di molti chilometri è la tenda da campeggio in cui dormono i due protagonisti.

Guarda anche  UNDER THE TREE [SubITA] 🇮🇸

Il film non è solo un elogio alla forza della natura, è anche una commedia drammatica a sfondo sociale. Niente di nuovo? Invece sì. La novità risiede nell’estrazione, da un contesto più consono, e ormai abusato, come quello della città, dei problemi sociali (separazione, gravidanza inattesa, ) per inserirli in luogo primitivo, precedente alla società: la natura islandese. Le problematiche contemporanee sono così depurate e stemperate, per assumere un nuovo significato nel segno dell’amicizia che lega i due protagonisti. La natura, sembra sostenere Sigurddson, risalta sotto nuova luce i problemi contemporanei dell’.

La pellicola A annan veg (Either Way), vincitrice del Torino Film Festival nel 2011, non si limita dunque al facile richiamo della natura dei primordi, ma la dilata rendendola in grado di accogliere problematiche cittadine. In attesa di un suo nuovo film, non si può che applaudire il regista islandese.

Recensione: icineuforici.com

STREAMING & DOWNLOAD

https://openload.co/f/yrLTpZL75xo

https://streamango.com/f/nmolnpttlbnescre

https://wstream.video/cmcthe6x7cls

Sottotitoli

Spread the love

Related posts