giovedì, Gennaio 28FPE 2.0 - IT'S JUST A RIDE !
Shadow

GRAVEYARD OF HONOR [SubITA] 🇯🇵

Titolo originale: Shin Jingi no Hakaba
Paese di produzione: Giappone
Anno: 2002
Durata: 131 min.
Genere: Azione, Thriller
Regia:

Il lavapiatti Rikuo ishimatsu (Gorō Kishitani) salva la vita al boss Sawada (Shingo Yamashiro), iniziando una rapida ascesa nel mondo della yakuza. Il suo comportamento violento e imprevedibile lo porta a sparare al proprio capo e a cercare rifugio in casa di Imamura (Ryōsuke Miki), membro di un rivale. Sprofondato insieme alla compagna (Narimi Arimori) nella dipendenza della droga, Rikuo, diventato sempre più paranoico e sospettoso, si avvia verso una tragica morte.

Seconda trasposizione per il cinema del romanzo di Goro Fujita Shin Jingi no Hakaba (dopo il classico La tomba dell’onore di Kinji Fukasaku, 1975) e uno dei titoli più disperati e dolorosi della filmografia di . Il contesto dell’opera originale, quello del Giappone del dopoguerra piegato e allo sbando dopo la sconfitta e l’occupazione americana, è qui spostato fra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90, in concomitanza con la nascita di un periodo di disordini e subbuglio. In entrambi i casi Rikuo Ishimatsu (Rikio Ishikawa nell’originale) funge da specchio della società in quanto vittima e allo stesso tempo artefice di caos e instabilità. È lui un ennesimo emarginato del cinema di Miike, personaggio impetuoso e brutale, incapace di provare sentimenti e in grado di esprimersi solo attraverso la violenza (come per esempio nel terribile atto verso la ragazza che poi diventerà la sua compagna), una figura tragica avversa alle regole della yakuza e in atteggiamento di sfida verso il mondo intero (culminante nella sequenza finale in cui si erge titanico a sfidare persino la gravità). Accompagnato da una malinconica colonna sonora jazz, Miike registra attraverso una messa in scena lucida e rigorosa la progressiva e inevitabile autodistruzione di Rikuo non nascondendo uno sguardo insolitamente compassionevole e privo di ironia per questo suo sofferente protagonista. Alcuni momenti vanno fin troppo col pilota automatico e sanno di già visto, ma il coinvolgimento rimane alto fino alla fine e i momenti emozionanti non mancano.

Guarda anche  IZO [SubITA]

longtake.it

Spread the love

Related posts