//HAKO [SubITA]

HAKO [SubITA]

 

Titolo originale: Hako
Nazionalità: Giappone
Anno: 2003
Genere: Drammatico, Fantascienza
Durata: 68 min.
Regia:

 

La storia è ambientata in un ipotetico futuro in cui l’alta tecnologia è integrata in ambientazioni di sapore nostalgico. Sotto l’albero esausto è costruita una macchina capace di mantenerlo in vita. Qui vive un vecchio artigiano che si occupa della manutenzione. «The box», la scatola da lui costruita, si aggira lungo la vecchia ferrovia impossessandosi dei ricordi della gente e delle vicende del villaggio. L’artigiano è preoccupato per «the box» e pensa di non aver ancora soddisfatto i suoi desideri. Tutto cambia nel villaggio dopo la morte del vecchio, la caduta dell’albero, il guasto della scatola…

Hako di è un viaggio nella rarefazione filosofica di un’utopia misteriosa (e forse anche misterica…), la parabola sgranata nel bianco e nero di uno sporco 16mm di un’umanità sospesa tra il verde degli alberi e le sfumature metalliche di un mondo ciberneticamente naturale. […] Un film liminare, stranamente oscuro nella sua limpidezza, contrastato nel bianco e nero che riproduce il contraddittorio inespresso nella materia delle mutazioni tra ciò che pulsa di vita e ciò che forma la vita. è una sorta di Tsukamoto meno meccanico e più metafisico, autore di un cinema che si offre come riquadro utopico sull’impossibilità di una realtà del presente…

Recensione: sentieriselvaggi.it

Related posts