//JOURNEY TO THE WEST: CONQUERING THE DEMONS [SubITA]

JOURNEY TO THE WEST: CONQUERING THE DEMONS [SubITA]

 

Titolo originale: Xi you xiang mo pian
Nazionalità: Cina
Anno: 2013
Genere: Azione, Commedia, Fantastico, Spirituale
Durata: 110 min.
Regia:

 

non è solo tra i quattro o cinque registi migliori del mondo, ma è anche uno dei teorici praticanti più meticolosi del cinema odierno, capace di svelare e aprire meccanismi a ogni nuova opera, di spingersi su territori sempre freschi senza perdere l’unicità del proprio tocco, ciò che rende un film di unicamente . Altroché Tsui Hark: è lui il vero Spielberg d’oriente, creatore di nuovi mondi, di pulsazioni cinematografiche che vivono nel loro esplodere su grande schermo, il cinema che torna tempio sacro e monumentale.

Basta il lunghissimo incipit con l’attacco del primo demone, in cui l’autore gioca con gli stereotipi dei marini fino conflagrare nella perfezione dell’action avventuristico: Chow ha l’estrema padronanza delle immagini e del ritmo, approdando dalle parti del The Host di Bong Joon-ho e regalandoci attimi di suspense e paura come mai avremmo immaginato dall’autore di Shaolin Soccer. Ma d’altronde, Chow gioca in casa, Journey to the West: Conquering the Demons è infatti tratto dal celeberrimo romanzo di Wu Cheng-en, universo in cui aveva già lavorato in veste d’attore nel Chinese Odyssey di Jeff Lau, la storia di un monaco vagante in cerca d’illuminazione alle prese con demoni di ogni tipo.

Nella sua rilettura, Chow prende sottobraccio Derek Kwok come secondo regista e si esclude dalle scene chiamando il suo sosia Wen Zhang: la comicità cartoonesca e delirante è quasi interamente limitata alle tresche con la bellissima Shu Qi, il resto è l’espandersi di una narrazione che respira grandeur e che si traduce nella fluidità ipnotica di un’opera che rappresenta la necessaria tappa successiva di un autore ricco (di mondi, idee, emozioni) come Chow, qui più inedito che mai in quanto virato verso il nero più scuro che non risparmia la tagliente flagranza della violenza, incontrando e abbracciando l’horror a piene mani, il tutto con levitazione zen. Si aspetta trepidanti il sequel, con un’erezione già vicina all’orgasmo.

Guarda anche  THE MERMAID [SubITA]

Recensione: nocturno.it

HardSUB

 

SoftSUB

 

Spread the love

Related posts