//L’INTRUS [SubITA] 🇫🇷

L’INTRUS [SubITA] 🇫🇷

Titolo originale: L’intrus
Nazionalità: Francia
Anno: 2004
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 130 min.
Regia:

 

Mentre si appresta a ricevere un trapianto cardiaco, Louis (Michel Subor) si avventura in un giro del mondo tutto in bicicletta, dalla Francia all’Oceania, per ritrovare se stesso e soprattutto l’autenticità del proprio corpo e del proprio spirito, prima di sottoporsi a un passaggio della vita così fondamentale, da cui dipenderà di fatto tutto il resto.

Da un luogo all’altro e di viaggio in viaggio, l’odissea improbabile di un uomo ordinario, dal passato incredibilmente denso alle spalle, incontra il tocco visivo e l’ punk della regista transalpina , che riesce nella rara e miracolosa impresa di raccontare in modo impalpabile la profondità dell’ lavorando sull’epidermide, di penetrare l’interiorità galleggiando in superficie. Il trapianto, per Louis, non è solo un vitale passaggio medico necessario per la sua sopravvivenza biologica, ma è anche uno snodo fondamentale in un’esistenza non impeccabile, un anno zero cui dare il peso e la rilevanza che occorre conferire alle piccole rivoluzioni personali. La Denis ci racconta tutto ciò tra grandi freddi e calori improvvisi, un passaggio repentino che avviene anche dal punto di vista meramente geografico e climatico, tra figli da ritrovare in Polinesia e sequenze in cui la vena materialistica e allo stesso sinfonica delle sue immagini raggiunge un’astrazione mai agguantata prima d’ora, in grado di far dialogare particolare e universale. Una pellicola che potrebbe irritare per la e l’ostinazione con cui la regista osserva e si sofferma, ma in si tratta di un’opera colma di liturgica bellezza, nella quale la cerebralità non è fine a se stessa ma serve a discernere le singole emozioni. Finale sospeso e impalpabile. Da un racconto autobiografico del filosofo Jean-Luc Nancy. L’intruso del titolo è il “cuore matto” del protagonista. Presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.

Guarda anche  HIGH LIFE [SubITA]

Recensione: longtake.it

Related posts