//POSSESSOR [SubITA] 🇺🇸

POSSESSOR [SubITA] 🇺🇸

Titolo originale: Possessor
Paese di produzione: USA
Anno: 2020
Durata: 102 min.
Genere: Thriller, Horror,
Regia:

Cineuropa cita immediatamente il “ di ”.
Come diceva il tale, in uno dei suoi momenti filosoficamente più ispirati: “questo non è il migliore dei mondi possibili, ma è vero“.
Lascio la parola agli esperti:

La produzione canadese-britannica di è una decostruzione fantascientifica del di .

Cercare di capire cosa succede nel secondo film di fa parte del divertimento. Possessor, proiettato nel concorso World Dramatic di Sundance, è un entusiasmante film di fantascienza che sembra ambientato in un futuro non troppo lontano fino a quando Vos (Andrea Riseborough) non usa il suo telefono cellulare. Lì realizziamo che è il 2008, e i personaggi e la trama sono tutti simboli di come già conduciamo le nostre vite online. È un mondo intrigante, con molti spunti di riflessione, perché Cronenberg esplora le conseguenze del di . Metti in questo mix un po’ di ultra violenza e scambio di genere, oltre a un’atmosfera inquietante e tesa, e diventa difficile non paragonare il regista a suo padre, la leggenda del David. Brandon sembra assumere pienamente questa eredità scegliendo Jennifer Jason Leigh nel ruolo di Girder, un ruolo che fa eco alla designer di presa di mira dagli assassini che lei stessa interpretava in eXistenZ (1999). In molti modi, Possessor può essere visto come un erede di eXistenZ, ma un erede con una migliore comprensione di come i mondi virtuali stanno cambiando le nostre personalità.

Guarda anche  FELT [SubITA] 🇺🇸

È discutibile se siano le favolose tute blu o l’assassinio violento a costituire il momento più drammatico del prologo di Possessor. Termina bruscamente, con Vos che si sveglia, il suo cervello collegato a un dispositivo che le permette di abitare nel corpo di altre persone, controllandone le azioni. Riseborough interpreta Vos come un personaggio al limite. Sta scappando dalla realtà e dal fatto che si è separata dal padre di suo figlio. Quando va a trovarli, deve cercare di interpretare il ruolo della buona madre, poiché non può essere se stessa, un’assassina. La battaglia con chi siamo e ciò che definisce la nostra è un concetto centrale della storia. Ogni volta che Vos abita una vita, viene esposta ai loro ricordi, e poi questi si fondono con i suoi. Il suo obiettivo principale è diventare un essere coerente. Cronenberg gioca gioiosamente con l’idea di come possiamo controllare qualcuno quando possiamo attingere ai suoi ricordi, e di come quella persona possa confondere ciò che è reale e ciò che non lo è.

La sua missione è quella di assumere il corpo di un trafficante di droga, Colin (Christopher Abbott), e assassinare suo suocero, John Parse (Sean Bean), il capo dell’azienda di una società di data mining. Questo compito implica che Vos debba navigare nella travagliata relazione di Colin con la sua fidanzata Ava (Tuppence Middleton) e sopravvivere 24 ore su 24 nel suo lavoro quotidiano, sorvegliando la vita privata delle persone attraverso le webcam disposte su vari apparecchi. L’obiettivo di questo voyeurismo non è sessuale, ma commerciale. L’azienda desidera qualsiasi informazione su cui possa mettere le mani, da utilizzare per la pubblicità, incoraggiando così le transazioni monetarie. Ci sono somiglianze tra i modi in cui Parse e Girder manipolano, e questo può essere paragonato ai giganti dei social media di oggi. È un mondo brutale e oscuro guidato dall’avidità corporativa, con poca attenzione alla moralità o al bene sociale.

Guarda anche  COMPRAME UN REVOLVER [SubITA] 🇲🇽

L’elegante fotografia di Karim Hussain e la colonna sonora di Jim Williams aggiungono un senso di inquietudine. A volte, la narrazione si confonde, poiché Cronenberg rifiuta di dare qualsiasi risposta facile, il che può rivelarsi irritante per alcuni. Come la vita, non c’è una grande rivelazione, solo una lenta realizzazione di un destino imminente.

Spread the love

Related posts