martedì, Settembre 22FPE 2.0 - IT'S JUST A RIDE !
Shadow

Tag: Gus Van Sant

GERRY [SubITA]

GERRY [SubITA]

ARCHIVIO FILM, Drammatico, Visionario
  Titolo originale: Gerry Nazionalità: USA Anno: 2002 Genere: Drammatico, Visionario Durata: 103 min. Regia: Gus Van Sant   Presentato a Locarno nel 2002, GERRY dimostra fin dai primi minuti che Van Sant è un pazzo, un puro folle: rinuncia a tutto quello che ci si potrebbe aspettare da lui (o da altri), imbocca una strada impossibile e non si smarrisce. Ogni elemento è ricondotto a una dimensione essenziale, perfetta e risolta in sé: due corpi anonimi (i ragazzi si chiamano l’un l’altro Gerry: un nome in codice?), senza passato (almeno esplicito), senza pensieri (c.s.), calati insensibilmente in una situazione irrisolvibile (a prima vista), procedono, malgrado tutto, verso un traguardo ignoto e difficilmente raggiungibile. Dialoghi ai minimi termini, azioni costan...
CHACUN SON CINÉMA [SubITA]

CHACUN SON CINÉMA [SubITA]

ARCHIVIO FILM, Commedia, Drammatico
  Titolo originale: Chacun son cinéma Nazionalità: Francia Anno: 2007 Genere: Commedia, Drammatico Durata: 100 min. Regia: AA. VV. [33 registi + 1]   Quello che viene in mente guardando To Each His Own Cinema sono le ciliegie, una tira l’altra, impossibile smettere. Trentaquattro cortissimi, tre minuti e stop, nitidi, la pelle lucidissima, la polpa dolcissima. Chacun son cinéma ou Ce petit coup au coeur quand la lumière s'éteint et que le film commence  è dedicato alla memoria di Federico Fellini, ma anche a Mastroianni, di cui torna più volte il ricordo, quella voce, inconfondibile, quegli occhiali da sole nella locandina di Otto e mezzo, quella dichiarazione d’amore che Angelopulos mette sulla bocca piena di rossetto nel viso antico e bellissimo di Jeanne Moreau...
EVEN COWGIRLS GET THE BLUES [SubITA]

EVEN COWGIRLS GET THE BLUES [SubITA]

ARCHIVIO FILM, Commedia, Drammatico
  Titolo originale: Even Cowgirls Get the Blues Nazionalità: USA Anno: 1993 Genere: Commedia, Drammatico Durata: 95 min. Regia: Gus Van Sant   Il film vede protagonista Sissy Hankshaw, cowgirl dai pollici mutanti che attraversa l'America facendo, inevitabilmente, l'autostop. Il suo percorso è segnato da esperienze di ogni genere, sessuali e allucinogene. Il film soffre di una genesi tormentata: stroncato dalla critica alla sua prima proiezione al Festival di Venezia, ha subito tagli e rielaborazioni prima di essere distribuito nelle sale, senza però raggiungere il successo del romanzo di Tim Robbins cui si ispirava. Autostop: la più grande libertà di movimento / Greater Freedom of Movement Even Cowgirls Get the Blues è una delle opere più controverse di Van Sant...