//THE MOLE SONG: UNDERCOVER AGENT REIJI [SubITA] 🇯🇵

THE MOLE SONG: UNDERCOVER AGENT REIJI [SubITA] 🇯🇵

Titolo originale: Mogura no uta – sennyu sosakan: Reiji
Nazionalità: Giappone
Anno: 2013
Genere: Commedia
Durata: 130 min.
Regia:

 

Un giorno Reiji Kikukawa, peggiore recluta di tutti i tempi nella polizia giapponese, viene convocato dal suo capo Sakami, che lo licenzia per condotta disonorevole. In realtà con questa scusa gli affida l’incarico di infiltrarsi in un’organizzazione criminale e arrestarne il leader…

È uno dei veri maestri del orientale, riconosciuto in tutto il mondo per il suo talento, la sua linea autoriale e soprattutto per la grande prolificità artistica, è che dopo aver partecipato lo scorso anno al Festival di Roma come ospite d’onore, quest’anno si presenta alla stessa manifestazione con un film in concorso che ha letteralmente folgorato la platea di spettatori. Stiamo parlando di The Mole Song Undercover Agent Reiji, straordinario ed eclettico viaggio di Miike nel mondo della yakuza giapponese. Il protagonista della storia è Reiji, un agente di polizia senza nessuna qualità, che viene scelto per diventare un agente sotto copertura per cercare di stanare un noto boss dell’organizzazione mafiosa. Il ragazzo, pasticcione, rumoroso e molto lontano dall’ideale di agente infiltrato, riesce in qualche modo ad entrare nelle grazie dei boss minori, sviluppando un certo legame con Crazy Papillon, un uomo particolarmente pericoloso che ha una passione smodata per la farfalle. Presto però il suo legame con questo personaggio losco lo metterà davanti a scelte difficili che il nostro dovrà compiere mentre su di lui pende la minaccia di una sanguinosa guerra tra clan.

A prima vista la trama del film fa pensare ad un ‘classico’ di Miike, che da sempre nei suoi film si cimenta con storie di mafia e di faide, caratterizzate da una violenza chiara e manifesta, senza mezzi termini. Questa volta però i fan del regista giapponese devono prepararsi ad una sorpresa, perchè The Mole Song Undercover Agent Reiji è un viaggio delirante a metà tra e fumetto, o meglio manga. Infatti la storia è tratta dal manga di Noboru Takahashi, che ha supervisionato la storia, e racconta le vicende del protagonista in toni decisamente comici e grotteschi, senza badare alla credibilità. La violenza, raccontata qui attraverso scenografie colorate e costumi fuori dall’ordinario, assume contorni comici e il protagonista (Toma Ikuta) è un rutilante vulcano di invenzioni. Strizzando l’occhio a noti personaggi provenienti dallo stesso mezzo di comunicazione, il film si divide in due parti: all’inizio prevalgono i toni grotteschi, pieni di inserti animati e di trovate registiche straordinarie e innovative; poi il registro, senza perdere il suo tono beffardo, si fa più serio e il film diventa un (quasi) tradizionale film sulla mafia.

Guarda anche  AUDITION [SubITA]

Con The Mole Song: Undercover Agent Reiji, si conferma un vero e proprio maestro del , capace di spaziare trai generi e gli stili senza perdere mai la sua verve creativa e ammaliando, e in questo caso in particolare facendo molto ridere, un pubblico che sempre più numeroso si avvicina alla sua .

Recensione: cinefilos.it

Spread the love

Related posts