//THE NINTH CONFIGURATION [SubITA]

THE NINTH CONFIGURATION [SubITA]

 

Titolo originale: The Ninth Configuration
Nazionalità: USA
Anno: 1980
Genere: Commedia, Drammatico, Horror, Visionario
Durata: 118 min.
Regia:

 

In un castello, utilizzato dall’esercito per il recupero mentale dei reduci dal Vietnam, arriva il nuovo medico Kane. Kane ama Jung, il teatro e usa gli psicodrammi per curare i suoi pazienti. Solo più tardi si scopre che, in realtà, anche Kane è un soldato sconvolto dagli orrori della guerra, un soldato così feroce da meritare il nome di “Killer Kane”. Blatty, Oscar per la sceneggiatura de L’esorcista, esordisce alla regia con un film pretenzioso, infarcito di simboli religiosi, argomentazioni teologiche e banalità generiche. Keach ha una discreta faccia da maniaco e la sequenza del bar non è male, ma non basta.

La Nona Configurazione ha una brutta fama. Si dice che sia un film troppo complesso, verboso e a tratti persino un po’ strambo. A nulla vale a rassicurare gli spettatori il fatto che nel 1981 il regista ci vinse il Golden Globe per la migliore sceneggiatura. E noi confermiamo i timori generali, per carità: l’opera non è facile da capire e di sicuro, come per L’Esorcista III, c’è una evidente indulgenza nei dialoghi, i monologhi cupi e l’impressione generale, come scrisse il critico Domenico Cammarota, è che a Blatty poco importi il come forma d’arte. Per lui i film sono un altro mezzo utile a diffondere il suo messaggio “terribilista” intorno alla fede. È un credente e vuol convincere il mondo che un dio esiste, che l’ è dio, ma non senza alzare la voce, movimentare l’ambiente con dubbi, urla, sangue e vomito verde pisello.

Per capire a fondo La Nona Configurazione si dovrebbe prima passare per L’Esorcista (il romanzo scritto da Blatty, più che il film poi riconcepito da Friedkin) e il suo seguito del 1990; allora si vivrebbe con familiarità l’anima in dissidio del dottor Kane (Stacy Keach). In fondo è nella stessa tempesta esistenziale di padre Karras e del tenente Kinderman. Tutti nomi che iniziano con K e non dite che sia una bazzecola: per il Gemini Killer di Legion non lo era. E c’è ancora la figura dell’astronauta, presente nel romanzo L’Esorcista e trasformata poi dallo stesso Blatty in un prete nel film. Forse per lui le figure dei gesuiti, rappresentate in modo figo, sono paragonabili agli uomini spaziali e allo stesso tempo ai pazzi. Teniamo presente però che La Nona Configurazione non è una versione shakespeariana di Qualcuno volò sul nido del cuculo. Qui sono ex-militari affetti da nevrotiche depressioni ma tutto sommato salvabili. L’intento di chiuderli in un castello è discutibile sul piano terapeutico ma suggestivo e funzionale a rendere un dramma ospedaliero disinfettato in un romanzo gotico disinfestato.

Sì, però un gotico con i suoi doccioni, le ombre curiose, le gigantesche statue mietitrici a ogni angolo e i temporali muggenti all’esterno. E la costante sfilata di folli presi dai rispettivi deliri riconduce il cristologico dottor Kane nel baratro di sofferenza da cui cerca di fuggire ma rappresentano un carnevale tra l’avanguardia russa e Broadway. Gli attori presenti sono il fiore dei caratteristi di quegli anni e alcuni fanno parte della cinematografica blattyana, tipo Jason Miller, Ed Flanders, George DiCenzo. Sono tutti un bel vedere, al di là della selva di chiacchiere che rifilano allo spettatore. Inoltre nel film si sorride, anche. Ci sono momenti piuttosto esilaranti, come in tutto quello che Blatty fa e che solitamente vengono ignorati dalla critica o addirittura condannati, come se a lui non fosse permesso fare ironia, date le pesanti tematiche che di solito affronta. Invece il vecchio William concede allo spettatore qualche sghignazzata prima di rituffarlo nella lunga e meritata notte dei miscredenti.

Recensione: nocturno.it

Spread the love

Related posts