//THE TEMPTATION OF ST. TONY [SubITA] 🇪🇪 🇫🇮 🇸🇪

THE TEMPTATION OF ST. TONY [SubITA] 🇪🇪 🇫🇮 🇸🇪

Titolo originale: Püha Tõnu kiusamine
Nazionalità: Estonia, Finlandia, Svezia
Anno: 2009
Genere: Drammatico, Visionario
Durata: 110 min.
Regia:

 

Püha Tõnu kiusamine è un film di folgorante bellezza.

Basta poco (un bizzarro corteo funebre di herzoghiana memoria – Anche i nani hanno cominciato da piccoli, 1970) per capire che il regista estone classe ’72 ha talento da vendere. Come il suo collega e quasi connazionale Sharunas Bartas, egli propone una carrellata di esseri umani che difficilmente sembrano appartenere a tale categoria. Ma la tipica malinconia bartassiana qui viene sostituita da un surrealismo che incamera sequenza dopo sequenza misteriosi interrogativi a cui non è possibile dare risposta. Vieppiù che la regia di Õunpuu risulta incredibilmente diversificata, per cui l’immagine passa da una sospensione piano-sequenziale degna del miglior Tarr a rabbiose accelerazioni estetiche che mozzano il fiato.
Ciò comporta un disorientamento tangibile, tuttavia la bussola per muoverci adeguatamente viene fornita fin da subito.
Eggià perché la chiave di lettura attraverso la quale comprendere l’opera risiede nelle parole di Dante sovraimpresse sullo schermo prima che tutto abbia inizio. Il primo verso della Divina Commedia delinea il quadro diegetico poiché abbiamo Tony, un uomo sulla quarantina, ricco, con un bel lavoro e una bella moglie, che si ritrova in una selva fatta di tenebra dove decine e decine di mani mozzate galleggiano sulla superficie paludosa. L’Inferno inizia da qui e senza cantiche o gironi la popolazione che lo abita non ha nulla da invidiare a quella narrata dal Sommo Poeta. Il problema, per il protagonista, è che i simili a cui va incontro non pagano nessun tipo di contrappasso ma anzi perpetrano il male imperterriti. Gli esempi si susseguono a ritmo incessante attraverso una progressione onirica di elevatissima densità; basta prendere il tizio sopravvissuto all’incidente che invece di invocare aiuto chiede se può sedersi nella lussuosa macchina di Tony. Questo episodio apre la strada ad altri di simile fattura dove la tesi del regista è quella di inscenare una sorta di martirio in cui il personaggio principale è l’UNICO a farsi delle domande di tipo etico (“cos’è la bontà?”), mentre il resto del mondo si interessa a tutt’altro: la polizia di frontiera, mai così estrema, adotta metodi poco ortodossi durante le interrogazioni, gli amici di Tony parlano di scambi di coppia e rabbrividiscono (giustamente, ve lo assicuro) alla visione di un barbone oltre la finestra, il proprietario della fabbrica licenzia i dipendenti per una piccolissima percentuale di difetto.
In questo percorso Tony non è solo. Egli trova in un cane, da lui ucciso e forse resuscitato per il suo pentimento, un Virgilio come guida e una Beatrice di bianco vestita come amore vero. Ma la debole presa di questi due personaggi rispetto all’angoscioso contesto che stritola ogni cosa fa sì che l’accompagnamento diventi una rincorsa, e così quando assistiamo al magnifico dialogo fra il sacerdote luciferino e il Nostro in cui si palesa l’assoluta latitanza di una fede, Tony si inoltra in un delirante sottomondo che lo porterà al totale smarrimento di sé.
Noterete che al pari, per esempio, di 4 (2005) l’esegesi del film si è trasformata pian pianino in una semplice descrizione. Questo perché aldilà della folgorante bellezza di cui prima, la pellicola è seriamente tortuosa, e di conseguenza lo è anche la sua interpretazione. Il cervello mi dice che l’impronta arty celi più del dovuto alcuni significati o mascheri l’assenza di essi, eppure la pancia mi urla forte che siamo di fronte ad una grande opera pregna di Cinema e in qualche modo di attualità perché, ahimè, alla fine nessuno esce a riveder le stelle.

Guarda anche  AUTUMN BALL [SubITA] 🇪🇪

Recensione: pensieriframmentati.blogspot.it

Spread the love

Related posts