domenica, Gennaio 24FPE 2.0 - IT'S JUST A RIDE !
Shadow

THE TRACEY FRAGMENTS [SubITA] 🇨🇦

Titolo originale: The Tracey Fragments
Nazionalità: Canada
Anno: 2007
Genere: Drammatico, Psicologico
Durata: 77 min.
Regia:

L’adolescenza di Tracey è resa ancora più instabile dalla che caratterizza la madre e dalla ruvidezza del padre, che chiama i propri figli “incidenti”. La giovane cerca rifugio in un mondo immaginario, arrivando a tentare di ipnotizzare il fratello Sonny. Costretta a seguire una terapia psicanalitica, si risveglia solo quando Sonny scompare, e si mette con decisione sulle sue tracce.

Mezzo: tecnica combinatoria e immaginazione. Destinazione: mente di Tracey.

Sguardo inedito sull’ultima generazione (americana), nuova proiezione di un sotto-testo minimale, già visto, irrimediabilmente potente.
Prima che le sovrastrutture ramifichino, prima che l’identità sia compiuta, l’adolescente Tracey è multi-immortalata da una costruzione cinematografica nata (lo afferma il regista) con l’idea di “risparmiare denaro e realizzare un film che fosse allo stesso tempo più interessante”, e presto impadronitasi del codice dello sguardo in The Tracey fragments: il multi-frame.
Questa continua proliferazione di quadri che moltiplica, appiattisce e decide i punti di vista all’inizio suona incongruente, al limite del fastidio, quasi una facile scorciatoia per spaccio di innovazione. Il multi-frame, o split screen multiplo, si rivela però la materia stessa del al centro della mente della protagonista (Ellen Page, Juno): se è vero che la cognizione umana procede per percorsi diffusi di attivazione, se l’oggetto/fonte dello sguardo è la deriva dell’identità, demone multiforme dei quindici anni, McDonald sceglie una soluzione visiva funzionale ad un contatto real-time e indistinto con immagini mentali, ricordi, fantasie e realtà.
Un gioco la cui reiterazione si legge prima come esasperazione, poi come tangenziale della terra accidentata e inospitale di questa piccola vita fatta di genitori estranei, psichiatri governativi, fratelli-oggetto, popular blondies e sesso innevato. The Tracey fragments usa le stesse armi-blob dello sfondo mediatico ormai incorporato nel profilo-cinema dell’adolescente occidentale, ma rompendo senza rimpianti le righe del reale arriva fino alla percezione di se stessi come immagine: capolinea di questa meravigliosa ragazzina, alienata e furibonda, compressa dalle siepi di Provincia e follemente libera, persino, finalmente, di se stessa nella camminata finale, già oltre noi, oltre lo schermo.

Guarda anche  WHY DON'T YOU JUST DIE ! [SubITA] 🇷🇺

Recensione: sentieriselvaggi.it

 

Spread the love

Related posts